Il nostro viaggio in Kashmir e Ladak, l’India più bella, ma non per tutti…

Dopo aver visitato il magnifico tempio d’Oro dei Sikh di Amritsar nel Punjab, partiamo per Srinagar, la piccola città medioevale con un dolce clima tutto l’anno sotto le vette dell’Himalaya che non potrebbe essere più bella con i suoi paesaggi bucolici, i giardini in fiore, i romantici ponti sul fiume Jhelum e sul lago Dal, le case galleggianti, le moschee di legno, le case patrizie e i bazar raffinati.

Proseguiamo quindi in Ladakh adattandoci lentamente alle diverse altitudini e cambiamenti di clima: alla quota dei 3500 metri di Leh basta un alito di vento perché le condizioni climatiche cambino radicalmente passando da temperature elevate a temperature decisamente invernali. Un viaggio in Ladakh non è motivato solo dalla visita delle fortezze medievali fortificate come quelle di Leh e di Stock, dei gompa (monasteri buddhisti) di Shankar, Shey, Hemis, Likir o Phyang resi minuscoli dai ghiacciai incombenti, delle città monastiche come Lamayuru appollaiata sui monti e Alchi pigramente distesa in pianura. Non è motivato solo dalle immense statue dorate ricoperte di pietre preziose o dai dipinti unici e irripetibili come quelli di Alchi.

In Ladakh si va a cercare sé stessi, come si va in Tibet, per lasciarsi pervadere dal suono, dalla luce e dal tempo.

Ci si va per rendersi conto che siamo vivi e assetati di sapere e allora non ha importanza se i monaci di questo o quel monastero seguono la via riformata dei “berretti gialli” o quella antica che, assieme a Milarepa persegue l’illuminazione attraverso il controllo della propria temperatura corporea, se quella statua rappresenta il Buddha storico Sakyamuni o quello del futuro Maitreya; non ha più importanza che l’albergo di Leh sia semplice ed essenziale, basta che sia pulito, non si teme più una notte in tenda se il cielo notturno che la sovrasta è talmente pieno di stelle da parere d’argento. In Ladakh si va per sentire il melanconico salmodiare dei monaci al crepuscolo, per vivere il lento danzare di monaci mascherati, per sentire sulla pelle il baratto dei mercati e nelle orecchie gli zoccoli di yak infiocchettati di rosso, di pecore e capre che pascolano sotto l’occhio vigile di pastori che non hanno smesso gli abiti che i loro avi portavano mille anni fa. Le sistemazioni per la notte sono ovunque, ad esclusione di Delhi, semplici, dignitose e sufficienti. La varietà delle visite e la bellezza dell’ambiente ripagano ampiamente dei disagi, dell’intenso ritmo del viaggio e dell’impegno fisico necessario. Alcuni trasferimenti sono lunghi ed impegnativi su strade spesso non asfaltate e tortuose, seppure spettacolari. Suggeriamo di documentarsi sulle diverse culture orientali ed in particolare sull’islam e sul buddismo prima di partire: servirà a godere appieno dell’atmosfera e a tollerare improvvisi cambiamenti di itinerario spesso dovuti al tentativo di non mancare una cerimonia religiosa in questo o quel monastero o una festa tradizionale.

⇒ CONSULENZA TRAVEL PLANNER A PARTIRE DA € 170

 

VIAGGIO ACCOMPAGNATO IN SINTESI 

Delhi, Amritsar, Jammu, Srinagar, Kargil, Alchi, Leh
Viaggio in gruppo con accompagnatore dall’Italia
Partenza il 29 agosto 2015
Durata: 13 notti
Voli inclusi

√ Quel qualcosa in più ⇒ Nelle prime due settimane di settembre si svolge a Leh un importante festival del tipico folclore tibetano. Si effettuano spettacoli nei templi e sfilate in costume per le vie della città. Quindi questo soggiorno a Leh consente di partecipare alle varie celebrazioni che verranno scelte al momento, nei vari punti della città e dei vicini monasteri.

⇒ SCOPRI DI PIU’, VIAGGIO ACCOMPAGNATO E PRENOTAZIONE DI TUTTI I SERVIZI, A PARTIRE DA € 2950 A PERSONA

La quota base comprende Accompagnatore dall’Italia, voli internazionali e voli interni in classe economica, sistemazione in hotels 3*/4* e comunque i migliori disponibili, trattamento di pensione completa come da programma (alcuni pasti potrebbero essere al sacco), assistenza e guida/accompagnatore locale parlante italiano, visite ed escursioni come descritte nel programma, documenti e set di viaggio.

La quota base non comprende Pasti non menzionati, bevande, mance, tasse aeroportuali, visti d’ingresso, quota di iscrizione, assicurazione medico-bagaglio-annullamento, spese personali e quanto altro non indicato nella quota comprende.