Perché scegliere lo Scambio Casa?

Vivere qualche giorno a casa di perfetti sconosciuti in un paese lontano e sentirsi così, non semplici turisti o viaggiatori, ma “quasi cittadini” di quel luogo scelto come meta per le proprie vacanze.  Questo è lo spirito dello Scambio Casa, il sistema che consente di realizzare viaggi e vacanze scambiando il proprio appartamento (prima o seconda casa) con quello di un’altra persona in una località che si desidera visitare. Lo scambio delle case può essere simultaneo oppure avvenire in periodi differenti, in base agli accordi intrapresi. L’unico costo da sostenere è quello dell’iscrizione alla piattaforma online.  Attualmente il leader indiscusso dello scambio casa è www.homeexchange.com la cui versione italiana è www.scambiocasa.com .

Ci sono molteplici ragioni per scegliere questa modalità di viaggio, primo fra tutti il forte risparmio economico rispetto alla spesa prevista per la sistemazione in albergo, casa in affitto ecc., inoltre non è da sottovalutare il fattore culturale ovvero il fascino di un’esperienza del genere che permette di immergersi nelle abitudini e negli usi degli abitanti del luogo.

Abbiamo così pensato di chiedere qualche opinione ad alcune amiche che ci hanno raccontato l’esperienza vissuta, ed ecco che cosa ci ha detto Simona (di Palermo) che ha viaggiato spesso scambiando la casa di vacanza di famiglia attraverso www.scambiocasa.com :

“Credo sia una delle più belle esperienze di viaggio che si possa fare, soprattutto da bambini. Sicuramente divertente e piacevole anche per gli adulti ma per i bambini ha un fascino ineguagliabile.

I punti di forza, secondo noi, sono:

1) Ritrovarsi quasi teletrasportati all’interno della vita di un’altra famiglia.

2) Spesso le persone che scelgono lo scambio casa, per viaggiare affidano al circuito dello scambio la loro prima casa, che è quindi funzionale e ben attrezzata per ogni esigenza.

3) Oltre alla casa, lo scambio in qualche modo coinvolge anche il vicinato con una partecipazione ed un’accoglienza che permette un contatto diretto con le persone del luogo e spesso anche con gli amici dei proprietari di casa. Per i bambini, ma anche per gli adulti, può essere interessante per confrontarsi con culture diverse e con una lingua straniera. Quello che si apprende in questi frangenti non verrà dimenticato facilmente. Io ho imparato a comunicare in francese da bambina durante un’ indimenticabile vacanza a Saint Malò.

4) Per un bambino quale divertimento maggiore dello scoprire i segreti di chi abita abitualmente la sua nuova stanza? Un modo stupendo di raccogliere stimoli e spunti inattesi e fino a quel momento sconosciuti. Una sorta di gemellaggio e di contatto a distanza con un alter ego finlandese, spagnolo, francese, etc..

5) Una casa piena di dettagli, curiosità, spezie, cibi da assaggiare. Unica indicazione: ricomprare quello che inevitabilmente verrà assaggiato, sperimentato.. (rotto?)

6) Il risparmio relativo al soggiorno consente di estendere il periodo di vacanza.

7) Una cucina ben attrezzata permette di risparmiare sui pasti, preparare comodamente merende e cestini per i picnic per i piccoli selvaggi. Il risparmio potrà essere riconvertito in shopping sfrenato per le mamme frustrate dai lavori domestici.

Mentre i punti di debolezza:

Dovere cucinare e pulire in vacanza…ma questo riguarda soltanto gli adulti! I bambini sono esentati!”

Leda (Roma) ha scambiato la casa in cui vive con il suo compagno attraverso il sito http://homelink.it, ecco cosa ci dice della sua esperienza:

“Abbiamo scelto di fare lo scambio casa per vari motivi, economico, comodo e anche un po’ antropologico. Economico perché è indubbiamente così, è un alloggio gratis che fa risparmiare parecchio sul budget di un viaggio, comodo perché si trova la stessa situazione di casa propria ed antropologico perché si percepisce lo stile di vita della gente che abita il posto. Io ho fatto solo due esperienze, la prima a Parigi, la seconda a Los Angeles. Entrambe molto positive, nel primo caso era un appartamento di una coppia in una zona molto centrale, nel secondo caso era una casetta di un professore in pensione amante dell’Italia e dei viaggi, con cui tra l’altro siamo ancora in contatto e che è venuto a trovarci qualche anno dopo. L’esperienza è bella in sé, perché scambiando la casa, nel mio caso la prima, si riesce a condividere qualcosa con il territorio che si visita, ci si libera anche di tanti pregiudizi, la cosa bella è anche la fiducia reciproca, perché è chiaro che ognuno che scambia tratterà la casa dell’altro come la propria.  Insomma, io lo consiglio anche solo per una volta”

Sull’argomento Scambio Casa consigliamo la visione della divertente commedia sentimentale L’amore non va in vacanza (2006) e le letture:  Scambio casa. Istruzioni per l’uso di Vanessa Strizzi e Andrea Villarini (QuodLibet ,2011) e Esperienze di scambio casa. Avventure e disavventure raccolte da homelink di Annalisa Rossi Pujatti (Simple, 2012).

♥LINK UTILI♥

www.scambiocasa.com

http://homelink.it

http://www.lovehomeswap.com

http://www.homeforexchange.com