I Re Magi in giro per l’Italia: i nostri 5 Presepi preferiti

Mancano 45 giorni a Natale.

Questa, già di per sè, è una notiziache merita un post e mi mette di ottimo umore! Ho già letto tra i post delle amiche travel blogger qualche accenno a Babbo Natale e allora io mi “porto avanti” con il Presepe…

Ho pensato di scegliere 5 tra tutti i presepi in giro per l’Italia, i 5 che mi sono sembrati  tra i più belli ed originali, per un primo assaggio di atmosfera natalizia!

  • Definito Presepe tra i Presepi, quello di Poffabro (PN) in Val Colvera, è davvero un presepe originale ed ogni anno sempre nuovo poiché i cinquecenteschi edifici del borgo si aprono ai visitatori ospitando su davanzali, giardini e corti oltre un centinaio di presepi realizzati negli stili più disparati e con materiali di vario genere, tutti i presepi saranno esposti e visibili dal 2 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018. http://www.parcodolomitifriulane.it/frisanco/ 
  • Non potevano mancare per la loro originalità i Presepi in Riviera romagnola. A Cesenatico potrete ammirare il Presepe della Marineria creato nel 1986, l’unico presepe galleggiante al mondo, ospitato dalle barche ormeggiate sul Porto Canale.  www.presepemarineria.it
  • Sapete che a Napoli è Natale tutto l’anno? Infatti, nella famosissima via di San Gregorio Armeno a Spaccanapoli potrete sempre acquistare una delle meravigliose e fantasiose statuine del presepe, scegliendo anche il vostro personaggio preferito! Da Maradona a Totò, i personaggi dello sport e dello spettacolo fanno a gara per avere la loro caricatura ed entrare a far parte dei personaggi del presepe napoletano. In questo periodo dell’anno vengono organizzati dei presepi viventi, di cui non siamo in grado di dare l’orario, sopratutto in Piazza S. Gaetano.Una visita d’obbligo e quella alla Chiesa di S. Lorenzo Maggiore, dove sono custoditi gusci di noce al cui interno sono ricostruiti minuscoli presepi.
  • Ed ecco che gli ultimi due sono i cosiddetti presepi viventi che offrono attraverso dei figuranti una breve rappresentazione scenica e teatrale della Natività. Matera con i suoi Sassi è già un luogo unico e suggestivo dunque regala una location di eccezione per il suo Presepe vivente. Il Presepe di Matera è una delle rappresentazioni sacre più attese del Sud Italia, anche perché collocata nell’ambientazione affascinante del Sasso Caveoso. www.presepematera.it
  • Rimanendo in tema di presepi viventi ancora più a sud in Sicilia, vi segnaliamo il famoso e storico presepe di Custonaci (TP), giunto alla sua 36° edizione. Ogni anno viene portata in scena una suggestiva Natività interpretata da ben 160 figuranti. Il presepe è rappresentato all’interno della Grotta preistorica di Scurati, il 25-26-29-30 dicembre e dal 5 al 7 gennaio 2018. presepeviventedicustonaci.it

♥CONTATTATE LE MAMME E I PAPA’ DI TURISTI PER SCELTA PER TANTI ALTRI CONSIGLI UTILI!♥

 

In gita al Sacro Bosco di Bomarzo

Durante una vacanza romana con mio figlio, per sfuggire al caldo afoso cittadino, decidiamo di fare una gitarella fuori porta alla ricerca di un posto un po’ più fresco e presa l’auto ci dirigiamo verso la provincia di Viterbo. Una cara amica ci accompagna e ci suggerisce un giretto nel poco conosciuto ed unico Parco dei Mostri di Bomarzo e curiosi accettiamo volentieri l’invito…una volta arrivati capiamo subito il perché di tale appellativo! Ci ritroviamo così immersi in un luogo magico abitato da animali mitologici, divinità e creature mostruose…ebbene si, tutto questo è possibile nel Sacro Bosco, la cosiddetta Villa delle Meraviglie di Bomarzo.  Si tratta di un parco naturale ed un complesso monumentale progettato dal principe Vicino Orsini, dedicato al ricordo della sua amata Giulia, come un percorso che potesse avvicinarlo all’aldilà, e realizzato dall’ architetto Pirro Ligorio nel 1552. Un posto incantevole e a tratti grottesco in cui è possibile passeggiare all’interno di un vero e proprio bosco incontaminato e man mano imbattersi in diverse sculture mostruose e fantastiche ispirate alla storia e alla mitologia: Titani in lotta tra loro, Sfingi, giganteschi Elefanti, Nettuno e Pegaso, e persino un terribile orco e un drago! I vari elementi, sculture e costruzioni, sono almeno apparentemente slegati tra di loro da qualsiasi coerenza di proporzioni e prospettiva, e danno così l’idea di un intricato insieme quasi un labirinto misterioso capace di creare suggestioni uniche ed emozioni per grandi e piccini. In realtà però il parco ha probabilmente un contenuto esoterico e per molti si configura come un vero e proprio percorso iniziatico proprio in virtù del simbolismo delle sculture e costruzioni.

La visita al Sacro Bosco di Bomarzo può così diventare l’occasione per raccontare ai più piccoli alcuni dei più affascinanti miti greci e romani oltre che lasciarsi trasportare dalla fantasia inventando storie  avventurose per ciascuna delle affascinanti sculture che si incontrano man mano.

Noi siamo rimasti davvero colpiti dalla grotta in cui è possibile entrare solo dopo avere attraversato con coraggio le fauci spalancate di un gigantesco mostro e la casa pendente costruita sopra un masso inclinato e dove una vola entrati ci si ritrova tutto d’un tratto confusi e spaesati, disorientati da strane proporzioni e pendenze!

Bomarzo è un’eccezionale idea per passare una giornata coi vostri figli in un parco naturale, all’aria aperta ed immersi in un’atmosfera incantata. Inoltre il Parco è aperto e visitabile tutto l’anno, e sono certa che offrirà suggestioni diverse per ogni stagione!

Link utili http://www.sacrobosco.it

♥CONTATTATE LE MAMME E I PAPA’ DI TURISTI PER SCELTA PER ORGANIZZARE LE PROSSIME VACANZE A MISURA DI FAMIGLIA!♥

 

 

Un giretto in Sicilia

La Sicilia è certamente una delle regioni italiane più ricche di varietà paesaggistiche, culturali, architettoniche e culinarie, meta di viaggi e turismo prevalentemente di mare e negli ultimi anni anche cittadino.

Pochi però sanno che la Sicilia offre anche tante attrazioni per i più piccini, e non intendiamo parchi tematici o posti di questo genere, quanto piuttosto luoghi e paesaggi unici, magici e divertenti, da visitare con i bambini. Ne abbiamo selezionati alcuni per voi, ecco le nostre proposte autunno/inverno di viaggio in famiglia in Sicilia! Eh si…in attesa che passi il freddo per potere pensare alle prossime proposte primavera/estate!

  • Etna. Tra i luoghi imperdibili non si può non citare l’Etna, il maestoso vulcano in provincia di Catania, U Mongibeddu che con la sua attività ha reso fertili le terre circostanti, che offre scenari unici e spettacolari in tutte le stagioni dell’anno e che dal 2013 figura tra i beni Unesco Patrimonio dell’Umanità. Vetta altissima, che supera di 3000 metri, in questa stagione diventa meta di appassionati di sci e snowboard ed è facile spiegare i motivi del fascino delle piste dell’Etna: intanto la tipicità di un vulcano attivo, nonché la meraviglia di poter sciare guardando il golfo ed il mare di Catania e Taormina. Di solito il mare e la neve nell’immaginario collettivo sono due cose quasi inconciliabili ed invece sull’Etna è possibile vivere questa esperienza unica: sciare non solo in una cornice montana ma con vista panoramica sul mare! Vi consigliamo, inoltre, la visita dei deliziosi paesini etnei primi tra tutti Zafferana Etnea con la sua bella Chiesa Madre barocca, dedicata alla Madonna della Provvidenza, patrona della città, che, leggenda vuole, avrebbe fermato il corso della lava parecchie volte; e Randazzo, incantevole cittadina medievale con una necropoli greca e rovine di costruzioni del periodo V-II secolo a.C., dove è possibile visitare anche il Castello svevo che ospita il Museo Archeologico Vagliasindi.
  • Cretto di Burri a Gibellina. Il Cretto di Alberto Burri a Gibellina è un’affascinante opera di Land Art nel luogo in cui sorgeva la città vecchia di Gibellina, completamente distrutta dal terremoto del Belice del 1968. Le macerie della città vennero totalmente cementificate dall’opera di Burri, una grande colata di cemento che dall’alto appare come un insieme di fratture nel terreno e che al tempo stesso consente ai visitatori di camminare tra le vie di questa affascinante opera di memoria che si staglia su una vallata desolata dell’entroterra trapanese. Un’esperienza davvero emozionante passeggiare tra le vie del Cretto ricordando la vecchia Gibellina.
  • Tra le città siciliane…merita certamente menzione la bellissima città di Palermo con le sue chiese barocche, i suoi resti arabo-normanni dallo stile unico, la sua maestosa Cattedrale, e tanto altro da visitare e, novità, vi consigliamo di farlo anche attraverso la lettura di una collana locale di guide per bambini In giro per Palermo, che offre la possibilità di scegliere fra diversi volumi per informare ed orientare i più piccini tra i tesori della città: tra beni patrimonio dell’Unesco, antiche leggende, e giochi didattici, per avvicinare i bambini alla fruizione dei beni culturali. A Palermo poi non si può non andare in giro a curiosare e gustare le atmosfere colorate e vocianti dei mercati storici: Il Capo, la Vucciria e Ballarò, sarà anche un’occasione per assaggiare il famoso street food locale.

https://www.facebook.com/pg/In-Giro-per-Palermo-Una-Guida-Didattica-per-i-Bambini-1506732369639992/about/?ref=page_internal

  • Giro tra i templi…Vi segnaliamo la magica Valle dei templi ad Agrigento, patrimonio Unesco, ed i templi di Segesta e Selinunte. Così da fare un vero e proprio itinerario archeologico alla scoperta dei resti di queste imponenti costruzioni e dei suggestivi siti in cui furono costruiti. Sarà anche un ottimo momento per leggere e raccontare ai vostri piccoli le appassionanti storie della mitologia greca e locale. 

Rimandiamo dunque alla prossima stagione più calda per altri suggerimenti isolani e intanto non vi resta che programmare il vostro prossimo viaggio in Sicilia e contattarci per informazioni e consigli pratici!

 

Perché scegliere lo Scambio Casa?

Vivere qualche giorno a casa di perfetti sconosciuti in un paese lontano e sentirsi così, non semplici turisti o viaggiatori, ma “quasi cittadini” di quel luogo scelto come meta per le proprie vacanze.  Questo è lo spirito dello Scambio Casa, il sistema che consente di realizzare viaggi e vacanze scambiando il proprio appartamento (prima o seconda casa) con quello di un’altra persona in una località che si desidera visitare. Lo scambio delle case può essere simultaneo oppure avvenire in periodi differenti, in base agli accordi intrapresi. L’unico costo da sostenere è quello dell’iscrizione alla piattaforma online.  Attualmente il leader indiscusso dello scambio casa è www.homeexchange.com la cui versione italiana è www.scambiocasa.com .

Ci sono molteplici ragioni per scegliere questa modalità di viaggio, primo fra tutti il forte risparmio economico rispetto alla spesa prevista per la sistemazione in albergo, casa in affitto ecc., inoltre non è da sottovalutare il fattore culturale ovvero il fascino di un’esperienza del genere che permette di immergersi nelle abitudini e negli usi degli abitanti del luogo.

Abbiamo così pensato di chiedere qualche opinione ad alcune amiche che ci hanno raccontato l’esperienza vissuta, ed ecco che cosa ci ha detto Simona (di Palermo) che ha viaggiato spesso scambiando la casa di vacanza di famiglia attraverso www.scambiocasa.com :

“Credo sia una delle più belle esperienze di viaggio che si possa fare, soprattutto da bambini. Sicuramente divertente e piacevole anche per gli adulti ma per i bambini ha un fascino ineguagliabile.

I punti di forza, secondo noi, sono:

1) Ritrovarsi quasi teletrasportati all’interno della vita di un’altra famiglia.

2) Spesso le persone che scelgono lo scambio casa, per viaggiare affidano al circuito dello scambio la loro prima casa, che è quindi funzionale e ben attrezzata per ogni esigenza.

3) Oltre alla casa, lo scambio in qualche modo coinvolge anche il vicinato con una partecipazione ed un’accoglienza che permette un contatto diretto con le persone del luogo e spesso anche con gli amici dei proprietari di casa. Per i bambini, ma anche per gli adulti, può essere interessante per confrontarsi con culture diverse e con una lingua straniera. Quello che si apprende in questi frangenti non verrà dimenticato facilmente. Io ho imparato a comunicare in francese da bambina durante un’ indimenticabile vacanza a Saint Malò.

4) Per un bambino quale divertimento maggiore dello scoprire i segreti di chi abita abitualmente la sua nuova stanza? Un modo stupendo di raccogliere stimoli e spunti inattesi e fino a quel momento sconosciuti. Una sorta di gemellaggio e di contatto a distanza con un alter ego finlandese, spagnolo, francese, etc..

5) Una casa piena di dettagli, curiosità, spezie, cibi da assaggiare. Unica indicazione: ricomprare quello che inevitabilmente verrà assaggiato, sperimentato.. (rotto?)

6) Il risparmio relativo al soggiorno consente di estendere il periodo di vacanza.

7) Una cucina ben attrezzata permette di risparmiare sui pasti, preparare comodamente merende e cestini per i picnic per i piccoli selvaggi. Il risparmio potrà essere riconvertito in shopping sfrenato per le mamme frustrate dai lavori domestici.

Mentre i punti di debolezza:

Dovere cucinare e pulire in vacanza…ma questo riguarda soltanto gli adulti! I bambini sono esentati!”

Leda (Roma) ha scambiato la casa in cui vive con il suo compagno attraverso il sito http://homelink.it, ecco cosa ci dice della sua esperienza:

“Abbiamo scelto di fare lo scambio casa per vari motivi, economico, comodo e anche un po’ antropologico. Economico perché è indubbiamente così, è un alloggio gratis che fa risparmiare parecchio sul budget di un viaggio, comodo perché si trova la stessa situazione di casa propria ed antropologico perché si percepisce lo stile di vita della gente che abita il posto. Io ho fatto solo due esperienze, la prima a Parigi, la seconda a Los Angeles. Entrambe molto positive, nel primo caso era un appartamento di una coppia in una zona molto centrale, nel secondo caso era una casetta di un professore in pensione amante dell’Italia e dei viaggi, con cui tra l’altro siamo ancora in contatto e che è venuto a trovarci qualche anno dopo. L’esperienza è bella in sé, perché scambiando la casa, nel mio caso la prima, si riesce a condividere qualcosa con il territorio che si visita, ci si libera anche di tanti pregiudizi, la cosa bella è anche la fiducia reciproca, perché è chiaro che ognuno che scambia tratterà la casa dell’altro come la propria.  Insomma, io lo consiglio anche solo per una volta”

Sull’argomento Scambio Casa consigliamo la visione della divertente commedia sentimentale L’amore non va in vacanza (2006) e le letture:  Scambio casa. Istruzioni per l’uso di Vanessa Strizzi e Andrea Villarini (QuodLibet ,2011) e Esperienze di scambio casa. Avventure e disavventure raccolte da homelink di Annalisa Rossi Pujatti (Simple, 2012).

♥LINK UTILI♥

www.scambiocasa.com

http://homelink.it

http://www.lovehomeswap.com

http://www.homeforexchange.com

 

Caro Babbo Natale…

♥ Caro Babbo Natale….♥

Ci siamo…eh sì…ci siamo quasi…Natale si avvicina, ormai siamo quasi in periodo di avvento…tra luminarie per le strade, primi alberi e decori,  preparazione di calendari, e naturalmente le prime richieste di doni da fare a Babbo Natale. Proprio ieri mio figlio mi ha detto: mamma guarda che tra poco è Natale, arriva presto, sai?  E da lì credo abbia potuto intravedere un momento di panico nei miei occhi, eh sì…perché tra un po’ arriveremo a parlare di Natale già a Ferragosto…diciamo pure che così non ci aiutiamo anzi ci mettiamo un po’ il carico…procede tutto così velocemente ed invece sarebbe bello fermarsi un po’ e godersi le ore, i giorni, gli eventi, e non vederli scorrere così rapidamente…ma… ops mi sono persa in questa riflessione ed ho perso di vista un attimo quello che vorrei invece raccontarvi.

Allora allora…considerata la domanda di mio figlio ho pensato di iniziare con l’immancabile lettera a Babbo Natale, perché noi da un paio d’anni ,oltre a scriverla, la spediamo davvero ed il Babbo più famoso del mondo ci risponde con un po’ di ritardo ma con tanto affetto! Ebbene sì, perché a Rovaniemi, Babbo Natale nel paese in cui vive, ha persino il suo ufficio postale, oltre ad uno studio e naturalmente la sua casa!  E da lì si impegna a rispondere alle lettere ricevute da parte dei bimbi di tutto il mondo e per chi volesse fare un bel viaggetto…è lì che attende tutti!

Il Santa Claus Village si trova in Lapponia, ad 8 km da Rovaniemi  ed esattamente nel paesino di Napapiiri. Un villaggio nato tanti anni fa e meta ormai di tante famiglie che scelgono di visitarlo non solo per ritrovare il mondo di Babbo Natale e le tipiche atmosfere natalizie  ma anche per immergersi in una serie di appuntamenti ed iniziative. Il Villaggio ha certamente una natura squisitamente turistica ma non per questo risulta meno affascinante agli occhi di un bambino. Ad esempio si può visitare l’esposizione permanente sul Natale finlandese e la rassegna sulle diverse tradizioni natalizie nel mondo e partecipare alle molteplici attività

organizzate: escursioni in slitta trainata da husky, escursioni con le renne, safari in motoslitta. Si può  giocare nella pista di ghiaccio con gli slittini,  oppure visitare il Santa Park costruito all’interno di caverne sotterranee dove è possibile fare un tour fatato e natalizio, e dedicarsi poi alla scoperta del segreto della cassetta rossa dell’ufficio postale di Babbo Natale…infatti sono proprio gli elfi che spediscono tutte le lettere e cartoline timbrate e imbucate lì da Babbo Natale in risposta ai bimbi di tutto il mondo!

L’indirizzo per spedire la letterina di grandi e piccini, è:

Joulupukki, Joulupukin Pääposti,

Santa Claus Main Post Office

FI-96930 Napapiiri, Finland.

Che state aspettando?  Intanto scrivete e poi…magari andate a vedere con i vostri occhi. E se avete bisogno di aiuto per organizzare il viaggio, una mano ve la possiamo dare noi!

Link utili

www.santaclausvillage.info/it/

www.santapark.com

www.huskypark.fi

http://snowmobilepark.com/

http://www.safartica.com/

www.santaclausreindeer.fi/it/

5 cose da fare e vedere a Stoccolma con i bimbi!

Le città scandinave sono tra le mie mete preferite da sempre, mi piace il loro continuo contatto e dialogo con la natura: prati, ville, parchi e playground ovunque; amo il design in ogni luogo, non importa che sia una caffetteria, un privato appartamento o un ristorantino dietro l’angolo;  mi piace quella dimensione in cui tutto sembra semplice e a portata di mano soprattutto se viaggi coi bimbi. Sarà per questo motivo che abbiamo scelto Stoccolma come meta di uno dei nostri primi viaggi family, e non ce ne siamo pentiti affatto! Ecco dunque le mie 5 imperdibili proposte di cose da fare e vedere in città con i bimbi.

1) Una passeggiata per Gamla Stan

Gamla Stan è la città vecchia;  il vecchio cuore di Stoccolma oggi è un insieme di stradine lastricate in pietra che fanno da cornice a bar, ristoranti, pasticcerie, e negozi di tutti i tipi. Isola pedonale, è bello passeggiare per le vie, osservare le casette colorate, visitare il Palazzo reale, il Museo del Nobel e magari sedersi ad un bar in qualche deliziosa piazzetta per gustare un gelato o una fetta di torta e godersi lo spettacolo di un’artista di strada.  www.visitstockholm.com

2) Skansen

Fondato nel 1891, Skansen è il primo Museo all’aperto del Mondo, luogo simbolo e vetrina delle tradizioni svedesi con 300.000 metri quadrati di parchi, giardini, abitazioni e fattorie tipiche provenienti da tutta la Svezia, e soprattutto personaggi in abiti d’epoca che svolgono dimostrazioni degli antichi mestieri. Skansen ospita anche lo zoo di Stoccolma dove si possono ammirare animali nordici, domestici e selvatici come orsi, lupi e linci. Davvero una bella esperienza potere vedere un vero lupo! Spesso alcune zone del museo accolgono concerti ed eventi cittadini. La visita è certamente una bellissima esperienza per i bambini, decisamente un po’ meno per i genitori 🙂

www.skansen.se

3)  Vasa Museet

Il Vasa Museet è l’attrazione turistica più visitata a Stoccolma, poiché conserva l’unico vascello conservato dal XVII secolo ad oggi. Il Museo è interamente dedicato a questa nave da guerra sfortunata, affondata nel 1628, poco dopo essere stata varata e battezzata, e ritrovata nel 1965. Il colpo d’occhio entrando in sala è notevole, ci si trova catapultati indietro nel tempo dentro una storia avventurosa e piratesca,  la nave si trova in una grandissima sala ed è possibile girarvi attorno ed ammirarne le sculture in legno, gli armamenti, gli alberi e nel frattempo perdersi un po’ tra storia e fantasia. Un luogo davvero unico!

www.vasamuseet.se

4) Grona Lund e Junibacken

Tra le immancabili attrazioni per le famiglie in visita in citta ci sono il Grona Lund e lo JuniBacken.

Il Grona Lund è l’antico parco giochi cittadino, aperto dal 1883, ancora oggi pieno di giostre, spettacolari montagne russe ed attrazioni paurose.  Può essere paragonato al famoso Tivoli di Copenhagen ma decisamente con minore fascino. www.gronalund.com

Meta fantastica è lo Junibacken,  un luogo pensato dove i bimbi possono giocare, apprendere e volare con la fantasia immersi dentro ambientazioni, costruzioni, villette e botteghe delle fiabe di Astrid Lindgren e di altri autori svedesi. Ed è proprio qui che ritroviamo la casa della mitica Pippi Calzelunghe con il suo Zietto. Una bellissima emozione ritrovarsi faccia a faccia con personaggi e oggetti di quella monellaccia di Pippi!  www.junibacken.se

5) Un giro per l’arcipelago 

Una cosa che mi ha colpito tantissimo della bella Stoccolma è il suo rapporto con l’acqua, e non solo perché si trova all’interno di un arcipelago ma perché pare che ci siano più barche che abitanti e che i suoi cittadini non sappiano resistere al richiamo dell’acqua, mare o lago che sia. Per questo la mia quinta proposta  è un giro in barca dell’arcipelago di Stoccolma, certo non potrete girare le quasi 30.000 isolette…Però potreste scegliere qualche località, tra le più famose e apprezzate vi segnaliamo Vaxholm, Sandhamn, Grinda e Mariefred, e da lì godervi verdi paesaggi tipici. Si può scegliere di pranzare sui battelli che organizzano  veri e propri tour dell’arcipelago.  Sarà molto divertente per voi ed i vostri bambini. http://www.waxholmsbolaget.se/start 

Il periodo ideale per visitare Stoccolma è l’estate ed in particolare fine giugno con le giornate più calde e lunghe che permettono il godersi di tramonti tardivi, ma anche in inverno nel periodo natalizio…certo le giornate sono cortissime e freddissime, però è bello passeggiare tra le caratteristiche luci della città in festa ed i tipici mercatini di Natale.

Una Stoccolma da vedere in tutte le stagioni, insomma!

Se vi piacerebbe organizzare un viaggio davvero family friendly, ma non sapete bene come fare o non ne avete il tempo, potete contattarci e noi mamme (e papa’!) saremo davvero felici di potervi aiutare con la nostra consulenza.

Vi raccontiamo il “nostro” Festival della Scienza a Genova

Turisti per Scelta al Festival della Scienza di Genova

Turisti per Scelta al Festival della Scienza di Genova

Qualche post fa vi abbiamo segnalato il Lucca Comics and Games e oggi vi raccontiamo qualcosa dell’imperdibile Festival della Scienza di Genova.

Questa bellissima manifestazione, giunta ormai alla 14° edizione, ha avuto inizio il 27 ottobre ed è terminata il 6 novembre; si tratta di uno dei maggiori eventi a livello internazionale, dedicati alla divulgazione scientifica. Ovviamente, il fulcro della manifestazione sono le numerose conferenze dedicate alle problematiche più attuali nell’ambito delle scienze matematiche, naturali e umane con relatori d’eccezione. Ma l’aspetto che più interessa a noi mamme e papà di Turisti per Scelta sono le tantissime attività dedicate ai bambini, dai 4 ai 17 anni, che si svolgono in alcuni dei luoghi più belli e significativi della città. Un’altra peculiarità del festival, infatti, è che coinvolge musei, planetari 

Il sito web http://www.festivalscienza.it è molto ben organizzato e permette di acquistare i titoli di accesso all’evento ed anche di prenotare le attività che più interessano ai nostri piccoli.

Domenica 30/10 anche noi abbiamo partecipato e vi raccontiamo di….spinosauri, labirinti e prove di orienteering, ingegneria del giocattolo, e navi della marina militare. Abbiamo volato su un aereo delle Frecce tricolori e simulato l’appontaggio di un elicottero su una nave per concludere con un po’ di acrobazie, giocoleria ed un pizzico di scienza.

E’ stata davvero una giornata meravigliosa, e le proposte erano moltissime e incredibilmente interessanti quindi vi consiglio di salvare questo evento, sin da ora, nella vostra agenda 2017 e non dimenticate di lasciarci un mi piace sulla pagina facebook così potrete restare aggiornati su tutte le nostre attività e proposte family friendly!

 

Il nostro viaggio in Normandia!

Meravigliosa Normandia, quando la conosci e ti perdi tra i colori dei suoi fiori e boschi, lo sciabordio delle onde sulle immense spiagge, la stazza delle meravigliose falesie, allora solo allora…quando ti immergi e ti perdi…capisci di essere dentro ad un quadro impressionista e di non volerne uscire fuori!

Il nostro viaggio inizia così: 2 famiglie, 8 persone, 4 bambini di 4 anni e 4 adulti quarantenni, 4 maschi e 4 femmine…insomma una bella allegra comitiva per un viaggio itinerante di 10 giorni in giro per la Normandia! Una vera avventura alla scoperta di boschi e castelli lungo la Senna Marittima, dei luoghi che ispirarono Monet e tanti altri artisti, delle impressionanti e bellissime Falesie della Cote….in giro per i paesini lungo la costa…. e fino alla bellissima Honfleur…per poi continuare e ritrovarsi tra i misteri della magica ed unica Mont Saint Michel, la sua baia, le sue sabbie e le piccole e affollate viuzze cittadine.

E non finisce qui…si continua alla scoperta delle spiagge dello sbarco…una vera passeggiata dentro la storia e non solo…e poi le città più grandi…Caen e la bella Rouen.

Ed i nostri bimbi sempre curiosi, divertiti, felici di avventurarsi e correre tra i boschi, castelli, viuzze medioevali e spiagge immense di sabbia finissima. Ma…questo viaggio ve lo vogliamo raccontare nei dettagli!

GIORNO 1 Arriviamo all’aeroporto di Parigi Beauvais e da lì ci muoviamo con le auto noleggiate, fondamentali per un giro come si deve della regione. Prima tappa del nostro viaggio una deliziosa chambre d’hotes, incantevole punto d’appoggio per visitare la zona soprannominata “la Francia degli Impressionisti” (alla fine del post trovate tutti i nomi degli hotel che abbiamo scelto).

Le chambres d’otes sono delle ottime sistemazioni in giro per la Francia spesso ricavate da dimore caratteristiche del luogo, una sorta di equivalente del B&B ma molto più charmante per via del contatto diretto coi padroni di casa che a volte possono offrire anche il servizio di ristoro, il table d’hote.

Il nostro giro inizia con la visita a Lyon-la-Foret un caratteristico villaggio nel cuore della Foret de Lyons; da lì ci avventuriamo nel bosco e iniziamo a fantasticare su storie di prodi cavalieri e dolci fanciulle ed in effetti il setting è perfetto! Proseguiamo con la visita di Giverny, ed in particolare della casa museo di Claude Monet. Un posto veramente magico in cui il tempo sembra essersi fermato, e così i bimbi possono passeggiare e ammirare il meraviglioso giardino, che nei mesi primaverili ed estivi trabocca di fiori e colori, un vero paradiso per gli occhi, con tanto di canali e piccoli ponti. E per concludere la giornata in bellezza, nel pomeriggio ci muoviamo verso la cittadina di Les Andelys, lì rimaniamo colpiti dallo Chateau Gaillard che attualmente giace per gran parte in rovina ma le cui mura fanno da cornice ad un’incantevole vista sulla Senna e sul paesino di Petit Andelys.

Abbaye Saint Georges, la Valle della Senna, Francia

Abbaye Saint Georges, la Valle della Senna, Francia

GIORNO 2 Il giorno dopo ci muoviamo verso la Strada delle Abbazie, attraversando la Senna Marittima, e quella che ci colpisce di più è Jumieges, tra le rovine più suggestive di tutta la regione, lì troviamo una grande albero all’ombra del quale organizziamo un pic nic per gustare formaggi e salumi accompagnati da sidro per noi e succo di mele per i più piccini, insomma…delizie locali! Da lì ci muoviamo…direzione: mare! Ed arriviamo in tempo per goderci il tramonto davanti alle falesie di Etretat.

GIORNO 3 L’indomani inizia il nostro giro per i villaggi, Varengeville sur Mer, Fecamp ed altri, le spiagge e le falesie della  Cote d’Albatre, spettacolo per gli occhi e divertimento per i bimbi che così possono scorrazzare e giocare nelle lunghe spiagge di sabbia e sassolini.

GIORNO 4 Per poi spostarci il giorno seguente lungo la Cote Fleurie, attraverso la cittadina di Honfleur ed il suo pittoresco porticciolo  cui si affacciano le splendide case colorate a graticcio, dove ci dilettiamo con una una splendida giostra d’epoca con i cavalli!  Da lì ci spostiamo a Trouville e Deauville, rinomate  ed eleganti città balneari per poi continuare verso l’entroterra e raggiungere Avranche e prepararci così per una delle visite con più aspettative ed emozioni…l’abbazia di Mont St-Michel!

GIORNI 5/6 Mont St-Michel è uno dei luoghi più visitati in Francia, emblema della Francia del Nord, al confine tra Normandia e Bretagna, è una vera e propria meraviglia da un punto di vista architettonico, naturalistico, per via della posizione e della maree, e storico.  Parcheggiata l’auto si può scegliere se raggiungere il Mont a piedi, con una navetta, oppure con un’originale mezzo trainato da cavalli. Noi abbiamo optato per la tradizionale navetta e poi per una bella passeggiata a piedi. I visitatori sono tantissimi ed ovunque, nella strada di accesso, nei vicoletti, nelle scalinate, all’interno del Monastero…insomma è difficile trovare un momento in cui godersi in tranquillità la visita ed il panorama e forse varrebbe davvero la pena di sceglier di soggiornarvi una notte ma si dovrebbe certamente prenotare tanto tempo prima e certamente non a prezzi convenienti. I bambini sanno cogliere la magia di un luogo e così si sono divertiti ad ascoltare storie di monaci, pellegrini e fantastiche maree.

GIORNO 7 Dopo questa giornata affascinante siamo pronti per un altro tuffo nella storia…e così partiamo alla volta delle spiagge dello sbarco…lì, mentre i bimbi si divertono rincorrendosi per le enormi spiagge sabbiose, noi adulti ci fermiamo ad immaginare le tremende immagini di guerra di cui quei luoghi sono stati teatro…e che non bisogna dimenticare mai….e così decidiamo di vedere insieme ai bambini il cimitero militare americano di Omaha Beach perché pensiamo che sia giusto che i bimbi capiscano ed abbiano consapevolezza dell’orrore della guerra.

GIORNO 8 Dopo avere visto diverse spiagge troviamo ristoro ad Arromanches, e lì come quasi ogni sera d’altronde, ci godiamo scorpacciate di frutti di mare e soprattutto di ostriche! Eh si…perchè ogni viaggio in Normandia che si rispetti non può far a meno di ostriche e cozze in tutte le salse!

GIORNO 9 E per concludere, prima di tornare a casa, visitiamo diverse cittadine: Bayeaux con la sua fantastica Cattedrale ed interessante Tapisserie, Caen con la sua fortezza ed il suo divertente labirinto verde fatto di canne dentro il quale passare un bel pomeriggio alla ricerca del tesoro e dell’uscita… ed infine poco prima della partenza, la bella Rouen con la sua famosa cattedrale ed il suo centro storico pedonale.

Un viaggio davvero indimenticabile per noi ed i nostri bambini…alla fine resta la voglia di ritornare a visitare la Francia con un altro tour itinerante…chissà…Bretagna? Loira? Provenza? Tante emozioni, viaggi e avventure ci aspettano!

♥ Gli hotel che abbiamo scelto e che, in alcuni casi, vi consigliamo: ♥

La Parenthese Normande 2 notti, posto incantevole ed accoglienza fantastica.

Etretat Aventure 2 notti, location consigliata alle famiglie con bambini, camere spartane ma molto divertente. 

Hotel Patton 2 notti, hotel 2* senza lode e senza infamia, forse un pò “triste” se confrontato con le precedenti esperienze ma comunque una buona ed economica base di partenza per visitare Mont Saint Michel e le spiagge dello sbarco.

Chateau Baffy 2 notti, il contesto in cui si trova è incantevole ma purtroppo la gestione della struttura lascia molto a desiderare! Non lo consiglierei, le recensioni su Trip ci hanno tratto in inganno…ci saremmo aspettati qualcosa di più…

Les Manoir des deux amant 1 notte, peccato! saremmo rimasti molto volentieri ancora qualche giorno; location bucolica ed appartamentino davvero grazioso e ben organizzato.

♥ Ed infine, un occhio al budget ♥ Per 2 adulti + 1 bambino di 4 anni abbiamo speso complessivamente circa € 2500 tutto compreso…anche gli immancabili souvenir!

E tutto questo è stato possibile, grazie all’aiuto delle super mamme di Turisti per Scelta che ci hanno creato, con la loro preziosa consulenza, un itinerario praticamente perfetto.

 

 

E per chi non lo sapesse…domani inizia il Lucca comics and games!

Dal 28 ottobre all’1 novembre la città di Lucca ospita il Festival internazionale del Fumetto, del Cinema d’Animazione, dell’Illustrazione e del Gioco: il Lucca Comics and Games 2016!

Il Festival rappresenta un’occasione unica per tuffarsi in un mondo fantastico, la città infatti cambia volto per tutta la sua durata e si trasforma in un fantasmagorico mondo abitato da personaggi avventurosi e fantastici.  Si tratta dell’evento italiano più importante in materia, che propone un programma ricchissimo di mostre, esibizioni, proiezioni cinematografiche, incontri con autori e illustratori, seminari, premiazioni e momenti musicali e di gioco.

Gli spazi del Festival sono organizzati per aree tematiche: la principale è la storica area Comics che ospita tutto ciò che riguarda direttamente il fumetto e l’animazione, l’area Games è relativa all’ambito ludico e permette di conoscere e provare giochi di vario tipo: multimediali, di ruolo, da tavolo, virtuali, di gruppo.  Non è difficile infatti imbattersi improvvisamente in combattimenti  tra maghi e personaggi fantastici armati di spada per le vie della città! Japan Town è l’ area dedicata al mondo giapponese fortemente presente in varie forme al Festival: gadget, manga, videogiochi, animazione; l’area Movie è dedicata al mondo del cinema con la presentazione in anteprima nazionale di tanti film. Il Lucca Junior, invece, è la parte dedicata ai più piccini, alle scuole e alle famiglie. Quest’anno il Family Palace propone un programma ricchissimo: attività sportive proposte dal CSI, spazio gioco ed espositivo per appassionati LEGO, un viaggio in realtà aumentata con Ben 10 Hero Experience, workshop di fumetto e illustrazione, momenti di incontro con autori ed illustratori, mostre e tanto altro.

C’è solo l’imbarazzo della scelta per tutta la famiglia che può così scegliere tra le tante attività proposte o semplicemente passeggiare tra le vie totalmente pedonali della città e godersi lo spettacolo…magari anche soltanto il via vai dei cosplayers…Infatti, un’altra proposta interessante è il Music and Cosplay, ovvero l’area del Festival dedicata alle esibizioni dal vivo e soprattutto alla gara Cosplay…una delle realtà più particolari e divertenti dell’intera manifestazione…ma cosa è il Cosplay? Per Cosplay si intende quella tendenza/hobby per cui una persona decide di travestirsi indossando il costume del proprio personaggio preferito recitando o mimandone le gesta in esibizioni pubbliche. E potete iniziare a capire adesso che cosa significhi trovarsi lì in mezzo a tanta gente di tutte le età, dentro le cinta murarie della bellissima città di Lucca, circondati da Spiderman, Batman, Captain Harlock, supereroi di tutti i tipi, protagonisti di manga giapponesi, personaggi dei fumetti e cartoni più famosi e del mondo fantasy e fantascientifico,  tutti quanti belli e grossi e soprattutto in carne ed ossa!

Un’esperienza davvero unica che lascerà divertiti e a bocca aperta grandi e piccini e soprattutto con la voglia di tornare e mettersi in gioco…che poi è proprio lo spirito dell’intero Festival. Speriamo di avervi incuriositi, non vi resta che andare a vedere con i vostri occhi!

Qui trovate il programma della manifestazione

Sito web www.luccacomicsandgames.com

A ciascuno il suo Halloween! Tante belle proposte per festeggiare insieme

…II parte…Halloween around Italy!

Ad Halloween c’è davvero l’imbarazzo della scelta ma noi siamo andati a curiosare in giro e queste ci sembrano alcune fra le proposte più originali:

  • Innanzitutto i suggestivi Castelli del Ducato di Parma e Piacenza che dal 25 ottobre al 1 novembre si trasformano in misteriose location in cui si organizzano i più disparati eventi a tema Halloween: visite guidate a lume di candela tra personaggi storici e fantasmi, giornate in compagnia dei personaggi della Famiglia Addams, aperitivi e cene con animazione bimbi, banchetti medioevali, spaventosi percorsi nei boschi dei Castelli. Ed in alcuni Castelli si può anche soggiornare e dormire…come dire…provare per credere e ritrovarsi dentro una notte incantata d’altri tempi. Trovate il programma dettagliato delle proposte su www.castellidelducato.it
  • In provincia di Pordenone il 30 ottobre al Castello di San Martino della Vaneza a Cervarese Santa Croce, sarà possibile visitare alla luce delle lanterne la Torre stregata, partecipare alla caccia al misterioso tesoro e danzare intorno al fuoco; il 31 ottobre sarà la volta di Halloween nel Bosco delle Fate di Montegrotto Terme tra streghe, maghi, incantesimi e lozioni magiche accompagnate da un facepainting mostruoso! www.micromegamondo.com
  • Weekend in famiglia al Castello di Grumello (BG). Sabato 29 ottobre cena con delitto per gli adulti partecipanti vestiti in costume. Domenica 30 ottobre, mentre i genitori degusteranno i vini delle cantine e avranno modo di visitare l’antico maniero, i bambini potranno vivere un’appassionante avventura in maschera contro le tremende creature della notte che cercheranno di impossessarsi dell’antico maniero. www.castellodigrumello.it
  • A Corinaldo (AN) dal 28 al 31 ottobre, per la diciannovesima edizione della manifestazione Miss Strega, tante proposte di laboratori per bimbi, stanze a tema con ologrammi e tante illusioni ottiche, scenografie appassionanti e giochi di luci per le strade del Borgo. www.missstrega.it
  • Tre giorni di divertimento all’insegna del mistero a Borgo Mozzano (LU), dove il 31 ottobre si terrà la Halloween Celebration Kinder una festa con un programma ricchissimo: i bimbi, trasformati in apprendisti stregoni, potranno assistere ad animazioni,  spettacoli teatrali e musicali, cortei mascherati in diverse location del centro storico. www.halloweencelebration.it
  • Un’alternativa potrebbe anche essere la festa di Halloween all’ Ostello dei Balocchi a Casalino di Ligonchio, nel cuore del Parco Nazionale dell’Appennino tosco emiliano, dove dal 29 ottobre all’1 Novembre i bambini potranno scoprire la leggenda dell’asino mannaro e nel frattempo creeranno zucche magiche, parteciperanno alla caccia al tesoro, cucineranno biscotti incantati e potranno passeggiare nel bosco a dorso d’asino.  www.ostellodeibalocchi.it
  • Il 30 e 31 ottobre a Riolo Terme (RA) si festeggia il Capodanno Celtico, uno dei pochi eventi in Italia che ripercorre le antiche radici della festa di Halloween attraverso una vera e propria ricostruzione storica di un mercato celtico tra le cui bancarelle degli antichi mestieri è possibile passeggiare alla scoperta di usi e costumi antichi, assistere ad un matrimonio celtico, costruire vasi in argilla e provare a tirare con l’arco. Sono tantissimi gli spettacoli musicali, teatrali e i cortei, ma segnaliamo soprattutto il Teuta cenomanes ovvero il rito del fuoco che celebra l’avvento della stagione buia. E per finire, solo per mamme papà e bimbi disposti a fare le ore piccole, si potrà assistere ad uno spettacolo pirotecnico. www.comune.rioloterme.ra.it

Noi di idee e proposte ve ne abbiamo date un po’, adesso non vi resta che contattarci per informazioni e preventivi, troveremo la soluzione più adatta per organizzare un itinerario ed un viaggio “veramente mostruoso” proprio come festa comanda!

A ciascuno il suo Halloween allora e…buon divertimento!